06/03/2015

UN PASSO DOPO L’ ALTRO VERSO IL PROPRIO TRAGUARDO

donna che si fissa degli obiettivi
Nello sport come nella vita il primo passo per sentirci realmente protagonisti di quello che facciamo è avere chiaro dove vogliamo arrivare e quello che vogliamo essere.

Quando abbiamo capito qual è la nostra meta il modo migliore per raggiungerla è ragionare per obiettivi, ogni piccolo passo ci avvicinerà sempre più al nostro traguardo.

Se penso alla corsa ognuno potrebbe avere il suo personale obiettivo da raggiungere al momento così lontano da sembrare irraggiungibile; per alcuni potrebbe essere correre per 30 min senza fermarsi o arrivare ai 10km, per altri completare la prima maratonina oppure cimentarsi nella maratona.
Ognuno, dal runner agli esordi all’esperto, ha la possibilità di migliorare la propria performance, l’importante è avere le idee chiare sull'allenamento da seguire, su dove si vuole arrivare e non pretendere di ottenere tutto e subito.

Diventa quindi determinante saperci porre i giusti obiettivi. Ma quali caratteristiche dovrebbero avere?

Dovrebbero innanzitutto essere chiari, precisi e scanditi nel tempo. Se noi stessi non abbiamo le idee chiare su quello che vogliamo e su quando lo vogliamo come possiamo raggiungerlo?
Fissiamo degli obiettivi ben chiari, meglio se sono misurabili, in modo da poterli tenere sempre sotto controllo e da dare oggettività ai miglioramenti che ci siamo fissati in un determinato arco temporale.
In più non poniamoceli troppo lontani dalle nostre attuali potenzialità. Sarebbe come mirare alle olimpiadi quando ancora si è un principiante.
Cerchiamo di ragionare a piccoli step, ben stabiliti e misurabili; evitiamo di fare “il passo più lungo della gamba” rischiando di avere delle delusioni che ci farebbero perdere la giusta motivazione in quello che vogliamo raggiungere.

Al contrario le piccole vittorie quotidiane con noi stessi, ponendoci obiettivi stimolanti ma raggiungibili, ci avvicinano giorno dopo giorno alla nostra meta accrescendo la nostra autostima e la motivazione in quello che facciamo.

Dott. Massimiliano Banda

COMMENTI: