16/08/2015

COME PRENDERSI CURA DELLE PROPRIE SCARPE DA RUNNING

Noi runners non ci fermiamo mai, in qualsiasi stagione, con qualsiasi temperatura e soprattutto con qualsiasi tempo. Se è vero però che il lavaggio degli indumenti non crea particolari problemi, quello delle scarpe può essere più delicato.
Bisogna pensare alla salute della propria scarpa almeno tre o quattro volte nell’arco della sua vita ma come fare? Ecco alcuni consigli utili:

CATINO E ACQUA FREDDA

Un buon metodo consigliato da molti esperti è quello dell’ammollo in acqua fredda e detersivo utilizzando una spazzola per strofinare le parti più sporche.

ATTENZIONE ALL’ASCIUGATURA

L’asciugatura costituisce una fase molto importante della manutenzione della nostra scarpa. La luce diretta del sole o una fonte intensa di calore possono danneggiare la struttura della scarpa per quanto riguarda gli inserti della tomaia o far perdere le caratteristiche meccaniche alle speciali gomme della suola soprattutto la loro capacità di ammortizzamento. Il consiglio è di lasciarle sgocciolare e riempirle con carta di giornale che assorbe molto rapidamente e asciuga all’interno in modo sicuro.



E LA LAVATRICE?

Questa è una incognita. Ci sono lavatrici che adottano programmi specifici per il lavaggio delle scarpe sportive, altre invece no. Le prime vanno bene, le seconde sono da rivedere in quanto rischiano, alla lunga, di deteriorare la scarpa.

Ogni runner si prende cura delle proprie scarpe in modo diverso, alcuni addirittura non le lavano mai per non cancellare il loro “vissuto” guadagnato sul campo chilometro dopo chilometro.
In ogni caso le nostre fide compagne di allenamento vanno sempre trattate bene perché possano continuare a darci le migliori soddisfazioni sulla strada.
Buone corse!

Written by Frank
BROStoRUN
TAGS: scarpe

COMMENTI: