16/01/2016

LE STORIE DEI BROS: Luciana

L'IDEA DELLA CORSA

Abitualmente andavo a nuotare tre volte a settimana, per tenermi in forma e perché il nuoto è sempre stato la mia passione.
Ovviamente sono un'amatrice. Spesso mi capitava di dover saltare l'allenamento per motivi logistici e di tempo. Mi ritrovavo spesso a stare ferma diversi giorni e naturalmente riprendere era sempre una gran fatica.
Cosi un giorno pensai che dovevo trovare qualcosa da fare per mantenere l'allenamento. Ecco che mi venne l'idea della corsa.

UN AMORE A PRIMA...CORSA

All inizio presi le prime scarpe sportive che trovai e mi lanciai all'avventura..
Cominciai con corsetta camminata corsetta.
Finché dopo qualche settimana abbandonai la camminata e cominciai a correre.
L'evoluzione fu immediata:
Subentro' la curiosita' della distanza percorsa...della velocità...quindi scaricai l'app dul telefono.
Man mano mi attrezzai anche di abbigliamento, passando dal cotone al tecnico...
Ovviamente, da brava Runner, anch io ebbi i miei infortuni, causati da scarpe sbagliate, posture...chiedevo agli amici, gente esperta che correva da più tempo. Scopri' di avere necessità di scarpe pronate...cominciai a farmi una cultura un po su tutto. Nel frattempo, le mie corse erano sempre più significative. Cominciai a pormi degli obiettivi, di tempo, di percorsi...notavo che il mio passo era sempre più veloce. Raggiunsi gli obiettivi meglio di come li avevo prefissati.

CON LA CORSA NEL CUORE

A maggio decisi di allenarmi seriamente. Abbandonai quasi del tutto il nuoto, dedicandomi alla corsa. Aumentai il numero di uscite settimanali...praticamente correvo sempre. Conobbi la pista e il suo fascino. Ormai la corsa apparteneva alla mia vita. Non ne potevo fare a meno.
Correre correre ovunque fossi, le scarpe sempre con me. Qualunque condizione metereologica nn mi fermava.
Le distanze divennero sempre più lunghe...aumentavo i km e la velocità di volta in volta ed ogni traguardo raggiunto era un momento di soddisfazione personale che condividevo anche con voi BROS.

SOGNARE SI PUO'

Oggi dopo appena 10 mesi sono tesserata con una società.
Dai miei umili 3 km di corsa a 7 oggi corro 18km a 5.30 di media.
Mi sono aggregata ad un bellissimo gruppo di Runners.
Ho un sogno nel cassetto che spero di realizzare: partecipare e chiudere la Mezza di Roma fino ad Ostia.
Ma sognare in grande fa per me...nascosto in un baule un' utopia più che un sogno, ma mi piace pensare che nulla è impossibile se lo si desidera veramente: Firenze Marathon!

Written by Luciana

COMMENTI: