14/09/2015

I CAMPIONI DELLA CORSA: LA STORIA DI DERARTU TULU

L'ATLETA

Chi conosce Derartu Tulu sa che è stata una grandissima atleta nel mezzofondo e nel fondo, oltre a essere stata la prima africana nera a vincere un oro alle olimpiadi. Etiope, nata nel 1972, è stata protagonista di molti successi in carriera, l’ultimo dei quali è stato forse il più emozionante.

LA GARA

Era il 2009 e la Derartu si accingeva a partecipare alla Maratona di New York senza molte speranze di vittoria. Alla partenza aveva 37 anni ed era da 8 anni che non vinceva una gara di 42 km; solo qualche mese prima inoltre aveva rischiato di morire di parto ed aveva pensato di ritirarsi dall’attività agonistica.

Alla partenza oltre alle altre runners aveva di fronte anche la detentrice del record del mondo in maratona Paula Radcliffe nonché vincitrice delle ultime due precedenti edizioni della maratona della grande mela, da tutti ritenuta la grandissima favorita della manifestazione.



La gara sembra una montagna difficilmente scalabile per l’etiope che però a sorpresa al 35esimo km incredibilmente riesce a recuperare terreno e a raggiungere il gruppetto di testa ed è proprio in quel momento che accade l’incredibile. La favorita Radcliffe inizia a lamentare un forte dolore alla gamba che la costringe a rallentare.

Quando il più forte avversario è in difficoltà cosa fa un atleta? Potrebbe approfittarne e cercare di mettere più spazio possibile fra sé e il suo principale contendente, ma la Derartu non lo fa, anzi decide di aspettare ed aiutare la Radcliffe, la sorregge, le dice “Andiamo, possiamo farcela!”. La talentuosa Paula per un po’ riesce a tenere il ritmo delle prime fino a che rallenta una seconda volta e la Derartu cosa fa? Rallenta nuovamente e cerca di sostenere la britannica a non mollare. La Radcliffe però sfinita devi arrendersi e dice alla Derartu che non ce la fa davvero più e di andare da sola.

Un gesto simile di sportività vale già una bella storia ma la Derartu decide di regalare ai tifosi un’emozione ancora più grande.

Seppur in ritardo dalle prime non si dà per vinta e ricordando i suoi sprint fenomenali in pista che le hanno permesso tanti anni prima di mettersi al collo ben due medaglie d’oro olimpiche riesce a raggiungere la testa della corsa e a tagliare clamorosamente il traguardo al primo posto con il tempo di 2h 28min e 52sec diventando la prima donna etiope a vincere la Maratona di NY.

LA SPORTIVITA'

Quando Paula Radcliffe taglia il traguardo dolorante al quarto posto la Derartu è la prima ad andare ad abbracciarla e a sostenerla, dimostrando ulteriormente il rispetto che ha per la sua rivale-amica.

Queste le parole della Derartu a fine corsa “Sono dovuta stare lontano dall’attività agonistica per parecchio tempo, così essere stata capace di ritornare e di raggiungere questo risultato mi fa capire che è possibile raggiungere tali soddisfazioni ad ogni età. Se ti concentri verso il tuo obiettivo, se sei determinato, puoi diventare competitivo!”.

Che dire.. Derartu Tulu non ha dimostrato di essere solo una fortissima atleta ma anche una gran persona.

Written by Massi
BROStoRUN

COMMENTI: