04/05/2015

IL PIACERE DOPO UNA CORSA..DA COSA DERIVA?

donna felice dopo una corsa
Correre fa bene ma perché così spesso dopo una corsa ci si sente più felici? Lo si diventa per il solo fatto di aver corso per la distanza desiderata o per il tempo che ci si era prefissato o forse la sensazione di contentezza deriva da qualcosa d’altro? Che cosa si intende per il tanto chiacchierato runner’s high, l’euforia dei corridori?

E’ stato ormai ampiamente dimostrato da svariate ricerche, una delle ultime è stata pubblicata nel 2008 sulla rivista scientifica Cerebral Cortex, che l’attività fisica è uno dei fattori che influenzano maggiormente il rilascio naturale di endorfine da parte del nostro corpo.

Ma cosa sono le endorfine? E cosa c’entrano con il piacere?

Le endorfine sono delle sostanze, precisamente neurotrasmettitori liberati dal cervello, dotate di elevati poteri analgesici ed eccitanti. Le endorfine infatti hanno proprietà biologiche molto simili a quelle della morfina e degli oppiacei fornendo alla persona molti benefici tra i quali un miglioramento generale del tono dell’umore, una notevole riduzione delle sensazioni di ansia e di stress, oltre che un aumento della soglia di tolleranza al dolore e alla fatica. Una volta secrete, le endorfine si disperdono nel sistema nervoso centrale, nei tessuti dell’organismo e nel sangue.

Un punto interessante è che il numero di endorfine prodotte dal nostro cervello varia a seconda dell’attività fisica che stiamo compiendo. E’ stato dimostrato che gli sport di durata e di resistenza, come ad esempio la corsa, sono quelli che più aiutano il rilascio spontaneo delle endorfine e quindi sono i precursori della sensazioni di euforia e di felicità.

Quindi possiamo rispondere alla domanda iniziale dicendo che è proprio l’attività fisica, incentivando in modo naturale il rilascio di endorfine, a produrre i tanto ambiti benefici della corsa!

Dott. Massimiliano Banda

COMMENTI: