02/04/2015

CHE COS’E’ IL MENTAL TRAINING?

uomo concentrato
Come dice la parola stessa il mental training è un allenamento non fisico ma mentale.

Ma cosa vuol dire allenamento mentale?

In psicologia dello sport è un modo per potenziale determinate abilità mentali che sono indispensabili per ottenere una buona prestazione sportiva. Moltissimi atleti di elite, nelle più svariate discipline sportive, utilizzano queste tecniche come parte fondamentale della loro preparazione sia in allenamento che prima di una competizione.

Quante volte abbiamo sentito di quell’atleta che pur essendo fortissimo si è fatto prendere dall’ansia al momento della gara? O di quel giovane sportivo con grandissime potenzialità che non riesce a raggiungere alti livelli per mancanza di determinazione e motivazione?

Incostanza, paura di sbagliare, distraibilità, sono delle costanti immutabili o è possibile migliorare questi punti deboli? La risposta è per fortuna affermativa. Sì, possiamo sentirci più forti al momento di una competizione, possiamo incrementare le nostre doti di concentrazione, abbiamo la possibilità di aumentare la nostra capacità di perseverare in quello che facciamo; il mental training ci aiuta proprio a raggiungere questi obiettivi.

Attraverso l’utilizzo di tecniche di rilassamento e visualizzazione si vanno via via potenziando abilità indispensabili quali autostima, motivazione, gestione dell’ansia e delle situazioni stressanti, attenzione, assertività, immaginazione e pianificazione degli obiettivi.

Vediamo spesso che chi ottiene i migliori risultati non è l’atleta con le doti atletiche migliori ma quello che riesce ad unire l’aspetto fisico, indispensabile per arrivare e competere a certi livelli, ad una stabilità mentale e una sicurezza nei propri mezzi che lo sprona e gli dà la possibilità di rendere al massimo proprio nel momento decisivo.

Un buon allenamento non può basarsi solo sull’aspetto fisico, la parte mentale ha un valore importantissimo che spesso risulta indispensabile per fare il salto di qualità.

Dott. Massimiliano Banda
Psicologo dello sport

COMMENTI: